Repubblichina di qualcuno, non Res Pvblica di tutti

Alain de Benoist : il problema della democrazia La Sinistra FascistaIl termine fascista oggi, a seguito della vulgata antifascista e liberale ha un’ accezione negativa e antistorica. Da amante del pensiero di Giovanni Gentile, ritengo che battersi per una totale riconciliazione nazionale sia una battaglia di libertà, oltre che di correttezza ideologica. Credo sia dovere di ogni libero pensatore, anche non fascista, quello di battersi affinché il diritto di libertà di pensiero e di espressione valga per tutti e non solo per i “vincitori” della Seconda Guerra Mondiale. L’idea che un comunista possa rifarsi a Marx prendendo le distanze dalle storture dei socialismi reali, agli occhi della “nostra” repubblica basta per giustificarne il pensiero e la creazione di un partito politico.. dispiace che lo stesso procedimento mentale e giuridico non si possa attuare per chi si riconosce nel pensiero di Giovanni Gentile pur prendendo le distanze da alcune storture ideologiche attuate da numerosi regimi nazi-fascisti(razzismo, squadrismo, deportazioni ecc..). Fin quando ci sarà questa incoerenza di fondo reputo la nostra repubblica una “repubblichina” illegittima, ipocrita e venduta allo potenze straniere. La nostra civiltà è classica e umanista; una Civiltà che mai avrebbe tollerato la negazione della libertà di pensiero, mai avrebbe condannato nessuna apologia. Il tempio dei Romani era il Pantheon, il tempio di tutte le fedi, nessuna esclusa.

Cola de Riezi

Advertisements

Informazioni su POPVLARES

Nato a Iulia Augusta Taurinorum, di origini osco-sannite e Romano-bizantine. Credo vivamente nei valori dell'Humanitas e in una Patria Romana e Socialista.
Questa voce è stata pubblicata in Comunismo e PCI, Cultura, Da me scritti, Fascismi, MSI, Politica, Post-comunismo, RSI, Socialismo, Storia. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Repubblichina di qualcuno, non Res Pvblica di tutti

  1. Alberto ha detto:

    Gentile non fu il filosofo del fascismo come non lo fu Evola, erano personalità che vivevano nel regime. Io la pianterei con tutta la retorica su un presunto buon fascismo italico ma non razzista come quello tedesco che indubbiamente ha avuto tendenze materialiste ma io mi leggerei Gunther e Clauss sul tema, la verità è che manca il coraggio. Inutile parlare di stirpe come somma di caratteri ambientali perché questa è la classica visione egalitarista del mondo per cui vi sarebbe una scissione tra natura e cultura, il pensiero metafisico è giunto alla fine, io ne prenderei atto. L’uomo è una realtà bioculturale .

    • POPVLARES ha detto:

      Gentile fu il FASCISMO DOTTRINA. Paragonare il ruolo marginale che ebbe Evola durante il Ventennio rispetto a Gentile dimostra che non sai nemmeno di cosa stai parlando.. inoltre, l’idea che il pensiero metafisico sia giunto alla fine è una boiata pazzesca, soprattutto in vista dell’evoluzione delle neuroscienze nella nostra Epoca, la fisica dei quanti dà sempre più ragione ai metafisici idealisti e neoplatonici. Prendi tu atto della tua ignoranza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...