La Celere

Image

I Nuovi Legionari

Celeres

In realtà il termine Celere,che noi oggi attribuiamo al Reparto Mobile della Polizia di Stato o ai Carabinieri e Finanzieri in tenuta antisommossa,ha origini antiche. Il tutto ebbe inizio con la leggenda della morte di Remo,fratello di Romolo Rex Romae. Esiste infatti una versione alternativa dell’accaduto. Essa narra che Romolo fece costruire sul solco (chiamato urvus, da cui la parola Urbs = città) tracciato con l’aratro, una cinta muraria, mettendovi a guardia Celere,suo uomo fidato e più leale, cui impartì l’ordine di uccidere chiunque avesse osato scavalcarla. Purtroppo Remo non era venuto a conoscenza dell’ordine imposto dal fratello e quando si avvicinò alla cinta, notando quanto essa era bassa, la scavalcò con un salto. Il fedele Celere gli si avventò contro e lo trapassò con la spada. Romolo, saputo della disgrazia, ne rimase sconvolto, ma non osò piangere di fronte al suo popolo, essendo ormai un sovrano Romano.

Cola de Rienzi

I Celeres (trad. it. veloci) erano un reparto militare romano di 3 centurie dell’epoca romulea che aveva come compito principale far da guardia del corpo al Rex. Fu istituito da Romolo ma ebbe vita breve poiché eliminato dal successivo rex Numa Pompilio.Tarquinio Prisco volle ricreare i Celeres a cui si oppose Attio Nevio perciò invece di creare un corpo speciale di cavalieri come al tempo di Romolo decise di raddoppiare semplicemente gli equites per aggirare l’opposizione di Nevio.

Metodologia di entrata nel reparto dei Celeres  Le unità dei Celeres venivano elette dai romani più importanti ,cioè quelli facenti parte delle curie, queste divisi in tre gruppi o tribù(da Tribuno,cioè il capo di una delle Tribes antiche):i Ranmes(tradizionalmente gli etruschi di Roma),i Tities(tradizionalmente i sabini ),e i Luceres(i romani autoctoni detti aborigeni, e i latini di Roma) ognuna delle quali divise ulteriormente in dieci curiae. Ogni curia aveva il compito di eleggere 10 unità di cavalieri tra gli uomini più forti e robusti (secondo le fonti designate anche ai senatori) per un totale di 300 cavalieri.

Compiti dei Celeres e descrizione  I Celeres avevano vari compiti tra cui: fare da guardia personale al rex, proteggere i senatori, stare stanziati nelle prime file e accompagnare in battaglia il rex per proteggerlo, fare da ausilio e da supporto all’esercito vero e proprio in battaglia nel caso ci fosse bisogno. Altre fonti raccontano di una scorta di 300 soldati che accompagnava il colpevole di delitti al foro e qui veniva giudicato forse accostabili ai Celeres. I Cereles erano formati da giovani armati di lancia (probabilmente a cavallo), dai casi, secondo il territorio dove si svolgeva la battaglia, facevano o da fanti o da cavalieri. Le fonti affermano anche che il loro comandante, il tribuno celerum (lat. Tribunus celerum),comandante delle centurie equites, poteva disporre oltre che dei 3 centurioni di altri reparti minori però non specificati.I comandanti dei celeri avevano il compito all’età di Numa Pompilio di officiare al terzo gruppo di riti e cerimonie sacre. Riguardo ancora al tribuno celerum però sembra che secondo quanto detto da Livio sia stato presente ancora alla fine dell’età regia nella figura di Lucio Giunio Bruto.

 Origine del nome

Riguardo all’origine della denominazione della guardia personale dei Celeres dalle fonti vengono descritte due diverse opinioni: la prima e che il nome del reparto derivi dal loro primo comandante Celere che si dice abbia ucciso il fratello di Romolo, Remo e a cui poi Romolo abbia concesso il comando di questo reparto, la seconda opinione invece afferma che il reparto fu chiamato così poiché molto spesso era in grado di salvare le sorti di una battaglia e le sue unità vincessero una battaglia molto velocemente infatti Celeres vorrebbe dire celermente cioè velocemente.

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Annunci

Informazioni su POPVLARES

Nato a Iulia Augusta Taurinorum, di origini osco-sannite e Romano-bizantine. Credo vivamente nei valori dell'Humanitas e in una Patria Romana e Socialista.
Questa voce è stata pubblicata in Confederazione Socialista Romana, Cultura, Da me scritti, Fascismi, MSI, Politica, Romanitas, Storia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...