Le solite smandolinate

Normalmente il discorso di fine anno dell’inquilino del Quirinale è aria fritta. Banalità e buonismo si alternano con maestria, tanto per dare l’illusione che siamo una comunità nazionale coesa e che tutti insieme ce la possiamo fare. Quest’anno non si è andati oltre. Anche se la realtà sociale ed economica che la Nazione sta vivendo avrebbe richiesto qualcosa di più e di diverso. Napolitano non soltanto non l’ha raccontata giusta ma ha fatto pure l’elogio dell’operato di Monti. Certo altro non poteva fare. In fondo, come ci raccontano le ultime soffiate del WSJ, non è che abbia ricoperto un ruolo di arbitro super partes nelle vicende che hanno visto formarsi l’esecutivo del “preside”. Ed in fondo sbaglia chi gli vuole attribuire il ruolo di padre nobile, tantomeno non possiamo chiedergli di rivestire le funzioni ed esercitare il discernimento che caratterizza l’operato del buon padre di famiglia. Napolitano è un nominato da un parlamento di nominati, e tutti sono lì a ricoprire i rispettivi ruoli soltanto per rendere un buon servigio ai veri manovratori. Quando questi semplici concetti riusciranno ad entrare nella zucca di ognuno di noi saremmo già ad un buon punto. Ne ha voglia il Presidente di parlare di spesa pubblica ed evasione, ma non può pretendere di essere ritenuto credibile. Che forse lui stesso non appartiene da una vita alla cosiddetta “casta”? Ma forse si è già dimenticato quando come eurodeputato faceva la cresta (beninteso come gli altri suoi colleghi) sul biglietto aereo, ed all’intervistatore della tv tedesca che gli poneva una chiara e semplice domanda rispondeva con sussiego ed arroganza minacciando l’intervento della polizia?? http://www.youtube.com/watch?v=xdx6OyMXDKw Come pure non ce l’ha raccontata giusta la dove parla di “lo sforzo di risanamento deve essere portato avanti con rigore”. Doveva spiegarci come mai il costo che gli italiani debbono sostenere per il mantenimento di tutto l’apparato quirinalizio supera di gran lunga quello che costa agli inglesi Buckingam Palace. Facendo i doverosi confronti e non dimenticando che quello esercitato sul colle “ è in gran parte un ufficio simbolico” come pochi giorni fa ci ricordava pure il NYT. Non ce l’ha raccontata giusta perché non ci ha detto che le cosiddette missioni di pace, che altro non sono che interventi tesi alla destabilizzazione mondiale ad uso e consumo degli USA, nel 2011 sono costati al contribuente oltre 4 milioni di euri al giorno. Altro che risanamento con rigore. Lo vada a raccontare ai pensionati. Ed è inutile che dica che “i Buoni del tesoro nonostante i segnali incoraggianti degli ultimi giorni restano sotto attacco ed il debito pubblico continua a pesare come un macigno e ci costa tassi di interesse pericolosamente alti” se poi non spiega che questo è il frutto dell’adesione all’euro ed all’Europa voluta dalla finanza e dalla BCE. Doveva dire che la cosiddetta Banca centrale europea invece di aiutare gli Stati, presta il denaro alle banche all’1% le quali poi lo danno alle varie Nazioni ad un interesse del 7% . Ci doveva dire che siamo in mano ad un sistema che opera come gli usurai, i quali è con i tassi di interesse che ti portano via la casa ed ogni avere, un po’ quello che sta succedendo alla Nazione e quindi lo sforzo di risanamento che, deve essere portato avanti con rigore, non può prescindere se non dal rigetto del debito pubblico quantomeno da una sua rinegoziazione, a totale discapito dei centri dell’usura internazionale . Di tutto questo non ne abbiamo avuto notizia. Un discorso intriso di banalità e buonismo. Aria fritta appunto. Ma in fondo il ruolo dell’inquilino del Quirinale è quello di garante della liturgia imposta da FMI, BCE e furbetti del quartierino che presiedono le varie istituzioni economiche e finanziarie. La situazione attuale ha bisogno di ben altro, non necessita certamente di queste smandolinate.

Pubblicato da Giuseppe Coppedè alle 11:33

Fronte tessera
  Movimento Di Azione Popolare . Per ulteriori informazioni scrivere a movimentodiazionepopolare@email.it
Annunci

Informazioni su POPVLARES

Nato a Iulia Augusta Taurinorum, di origini osco-sannite e Romano-bizantine. Credo vivamente nei valori dell'Humanitas e in una Patria Romana e Socialista.
Questa voce è stata pubblicata in ALDE e Liberalismo, Cultura, Fascismi, Politica, Socialismo. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...