Riassunto de la Politica di Aristotele

La Politica è un’opera del filosofo Aristotele che tratta l’amministrazione della polis. L’ opera è suddivisa in otto libri il cui ordine segue l’analisi dell’autore che definisce la città dalle sue origini fino al suo buon mantenimento mediante l’educazione politica.

Indice

La struttura dell’opera

Libro I

All’origine della città vi è il rapporto tra uomo e donna, i quali, formando la famiglia, creano la base del villaggio la cui pluralità andrà a costituire la città vera e propria. La proprietà è strumento d’uso vigente nella famiglia costituita da tre tipi di rapporti di proprietà: coniugalità tra marito e moglie, paternità tra padre e figli, padronanza tra padrone e schiavi. La crematistica alla base degli scambi commerciali è l’arte dell’ acquisto propria degli amministratori domestici e politici.

Libro II

All’interno di una comunità politica la comunanza (ossia ciò che è comune) è necessaria per la definizione stessa di comunità ma ammettendone i limiti senza i quali la città crollerebbe. Le proprietà private vengono elencate nelle diverse modalità di sistema comunistico giungendo al risultato ideale di una proprietà privata resa comune nell’uso, nel lavoro di produzione.

Libro III

Definizione di cittadino: colui che può adire alle magistrature della città. Si cerca di dare una risposta al quesito se ad accomunare il buon cittadino all’uomo dabbene sia la medesima virtù. Se ognuno pratica la propria virtù, questa non può essere la stessa; il buon cittadino dovrebbe avere la virtù di saper comandare e allo stesso tempo saper obbedire. Definita la costituzione come la struttura che stabilisce il funzionamento delle cariche, vengono vagliate le forme di governo: monarchia e aristocrazia.

Libro IV

Compito della scienza politica è di conoscere quante e quali costituzioni siano possibili per poter prendere provvedimenti su di esse. Analisi delle quattro forme possibili di oligarchia e democrazia. La miglior costituzione è quella basata sulla medietà: accessibile a tutti, lontana dagli estremi e dalle rivoluzioni.

Libro V

Trattazione delle rivoluzioni in ogni forma di governo e relativi mezzi per evitare i sovvertimenti.

Libro VI

Vengono elencate le strutture della democrazia e dell’oligarchia e le relative condizioni favorevoli alla loro esistenza.

Libro VII

La felicità coincide con la vita virtuosa. La città è buona se i suoi cittadini sono buoni. È compito del legislatore trovare i mezzi per rendere possibile il miglioramento della città che è attuabile se: vige lo stesso genere di vita tra i cittadini, politica autosufficiente, ognuno conosce le virtù dell’altro, la popolazione compie il minimo sforzo per l’ autosufficienza.

Libro VIII

Se si vuole raggiungere un obiettivo comune di felicità e benessere reso possibile da una buona politica, è necessaria una preparazione comune a tutti i membri della comunità: un’educazione basata sulla ginnastica, scrittura, disegno e musica. Quest’ultima raffina l’anima, svolge una funzione ricreativa e concilia il riposo necessario dopo l’ attività.

Advertisements

Informazioni su POPVLARES

Nato a Iulia Augusta Taurinorum, di origini osco-sannite e Romano-bizantine. Credo vivamente nei valori dell'Humanitas e in una Patria Romana e Socialista.
Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Fascismi, Politica, Storia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...