Michels e la Legge ferrea dell’oligarchia

La legge ferrea dell’oligarchia, formulata nel 1911 dal politologo tedesco Robert Michels nel suo libro Sociologia del partito politico, teorizza che tutti i partiti politici si evolvano da una struttura democratica aperta alla base, in una struttura dominata da una oligarchia, ovvero da un numero ristretto di dirigenti. Questo deriva dalla necessità di specializzazione, che fa sì che un partito si strutturi in modo burocratico, creando dei capi sempre più svincolati dal controllo dei militanti di base. Con il tempo, chi occupa cariche dirigenti si “imborghesisce”, allontanandosi dalla base e diventando un’élite compatta dotata di spirito di corpo. Nello stesso tempo, il partito tende a moderare i propri obiettivi: l’obiettivo fondamentale diventa la sopravvivenza dell’organizzazione, e non la realizzazione del suo programma.

Michels, che elabora le sue tesi principalmente grazie all’osservazione del Partito Socialdemocratico Tedesco(a cui lui fu iscritto), fornisce quattro prove a sostegno della sua tesi:

  1. La democrazia non è concepibile senza una qualche organizzazione.
  2. L’organizzazione genera una solida struttura di potere che finisce per dividere qualsiasi partito o sindacato in una minoranza che ha il compito di dirigere e una maggioranza diretta dalla prima.
  3. Lo sviluppo di un’organizzazione produce burocratizzazione e centralizzazione, che creano una leadership stabile, che col tempo si trasforma in una casta chiusa e inamovibile.
  4. L’insorgenza dell’oligarchia deriva anche da fattori psicologici, in particolare la “naturale sete di potere” di chi fa politica e il “bisogno” delle persone di essere comandate.

Annunci

Informazioni su POPVLARES

Nato a Iulia Augusta Taurinorum, di origini osco-sannite e Romano-bizantine. Credo vivamente nei valori dell'Humanitas e in una Patria Romana e Socialista.
Questa voce è stata pubblicata in Comunismo e PCI, Cultura, Elittismo, Fascismi, MSI, Politica, PSI - PSDI, Radicalismo storico, RSI, Socialismo, Storia. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Michels e la Legge ferrea dell’oligarchia

  1. Giuseppe ha detto:

    Sbaglio o già Aristotele aveva sostenuto una tesi simile?

    • POPVLARES ha detto:

      Si,però la critica aristotelica era più inerente alla Democrazia Classica ateniese. Invece Michels criticava la Democrazia di Rappresentanza in un ottica contemporanea,andando a minare il suo strumento più importante:i Partiti. Michels era un Socialista di estrazione marxista che tendeva all’elittismo,finì poi con l’avvicinarsi al Fascismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...