Testamento Politico di Carlo Pisacane

Testamento politico di Carlo Pisacane

TESTAMENTO POLITICO

Genova, 24 giugno 1857.

Nel momento d’avventurarmi in una intrapresa risicata, voglio manifestare al paese la mia opinione per combattere la critica del volgo, sempre disposto a far plauso ai vincitori e a maledire ai vinti.

I miei principî politici sono sufficientemente conosciuti; io credo al socialismo, ma ad un socialismo diverso dai sistemi francesi, tutti piú o meno fondati sull’idea monarchica e dispotica, che prevale nella nazione: esso è l’avvenire inevitabile e prossimo dell’Italia e fors’anche dell’Europa intiera.

Il socialismo, di cui parlo, può definirsi in queste due parole: libertà e associazione.

Questa opinione fu da me sviluppata in due volumi, che ho composto, frutto di quasi sei anni di studi, ai quali per mancanza di tempo non ho potuto dedicare le ultime cure che richiedono lo stile e la dizione. Se qualcheduno fra [i] miei amici volesse surrogarmi e pubblicare questi due volumi, io gliene sarei riconoscentissimo.

Io sono convinto che le strade di ferro, i telegrafi elettrici, le
macchine, i miglioramenti dell’industria, tutto ciò finalmente che sviluppa e facilita il commercio, è da una legge fatale destinato ad impoverire le masse fino a che il riparto dei benefizi sia fatto dalla concorrenza.

Tutti quei mezzi aumentano i prodotti, ma li accumolano in un piccolo numero di mani, dal che deriva che il tanto vantato progresso termina per non esser altro che decadenza.

Se tali pretesi miglioramenti si considerano come un progresso, questo sarà nel senso di aumentar la miseria del povero per spingerlo infallibilmente a una terribile rivoluzione, la quale cambiando l’ordine sociale metterà a profitto di tutti ciò che ora riesce a profitto di alcuni.

Io sono convinto che l’Italia sarà grande per la libertà o sarà schiava: io sono convinto che i rimedî temperati, come il regime costituzionale del Piemonte e le migliorie progressive accordate alla Lombardia, ben lungi dal far avanzare il risorgimento d’Italia, non possono che ritardarlo.

Per quanto mi riguarda, io non farei il piú piccolo sacrifizio per cambiare un ministero o per ottenere una costituzione, neppure per scacciare gli Austriaci dalla Lombardia e riunire questa provincia al regno di Sardegna.

Per mio avviso la dominazione della casa di Savoia e la dominazione della casa d’Austria sono precisamente la stessa cosa.

Io credo pure che il regime costituzionale del Piemonte è piú nocivo all’Italia di quello che lo sia la tirannia di Ferdinando II.

Io credo fermamente che se il Piemonte fosse stato governato nello stesso modo che lo furono gli altri Stati italiani, la rivoluzione d’Italia sarebbe a quest’ora compiuta.

Questa opinione pronunciatissima deriva in me dalla profonda mia convinzione di essere la propagazione dell’idea una chimera e l’istruzione popolare un’assurdità.

Le idee nascono dai fatti e non questi da quelle, ed il popolo non sarà libero perché sarà istrutto, ma sarà ben tosto istrutto quando sarà libero.

La sola cosa, che può fare un cittadino per essere utile al suo paese, è di attendere pazientemente il giorno, in cui potrà cooperare ad una rivoluzione materiale: le cospirazioni, i complotti, i tentativi di insurrezione sono, secondo me, la serie dei fatti per mezzo dei quali l’Italia s’incammina verso il suo scopo, l’unità.

L’intervento della baionetta di Milano ha prodotto una propaganda molto piú efficace che mille volumi scritti dai dottrinari, che sono la vera peste del nostro paese e del mondo intiero.

Vi sono delle persone che dicono: la rivoluzione dev’esser fatta dal paese. Ciò è incontestabile. Ma il paese è composto di individui, e se attendessero tranquillamente il giorno della rivoluzione senza prepararla colla cospirazione, la rivoluzione non scoppierebbe mai.

Se al contrario tutti dicessero: la rivoluzione deve farsi dal paese e siccome io sono parte infinitesimale del paese, cosí ho io pure la mia parte infinitesimale di dovere da adempiere, e l’adempisse, la rivoluzione sarebbe fatta immediatamente e riuscirebbe invincibile perché immensa.

Si può non esser d’accordo sulla forma di una cospirazione, sul luogo e sul tempo in cui una cospirazione debba compiersi: ma non essere d’accordo sul principio è un’assurdità, un’ipocrisia, un modo di celare il piú basso egoismo.

Io stimo colui che approva la cospirazione ed egli stesso non cospira: ma non sento che disprezzo per coloro, che non solo non voglion far niente ma che si compiacciono nel biasimare e nel maledire gli uomini d’azione.

Secondo i miei principî avrei creduto di mancare ad un sacro dovere se vedendo la possibilità di tentare un colpo di mano su d’un punto bene scelto ed in circostanze favorevoli, non avessi spiegato tutta la mia energia per eseguirlo e farlo riuscire a buon fine.

Io non ho la pretesa, come molti oziosi me ne accusano per giustificare se stessi, di essere il salvatore della patria.

No: ma io sono convinto che nel mezzogiorno dell’Italia la rivoluzione morale esiste: che un impulso energico può spingere le popolazioni a tentare un movimento decisivo ed è perciò che i miei sforzi si sono diretti al compimento di una cospirazione che deve dare quello impulso.

Se giungo sul luogo dello sbarco, che sarà Sapri, nel Principato citeriore, io crederò aver ottenuto un grande successo personale, dovessi pure lasciar la vita sul palco.Semplice individuo, quantunque sia sostenuto da un numero assai grande di uomini generosi, io non posso che ciò fare, e lo faccio. Il resto dipende dal paese, e non da me.

Io non ho che la mia vita da sacrificare per quello scopo ed in questo sacrifizio non esito punto.

Io sono persuaso, se l’impresa riesce, otterrò gli applausi generali: se soccombo, il pubblico mi biasimerà. Sarò detto pazzo, ambizioso, turbolento, e quelli, che nulla mai facendo passano la loro vita nel criticare gli altri, esamineranno minuziosamente il tentativo, metteranno a scoperto i miei errori, mi accuseranno di non esser riuscito per mancanza di spirito, di cuore e di energia… Tutti questi detrattori, lo sappiano bene, io li considero non solo incapaci di fare ciò che si è da me tentato, ma anche di concepirne l’idea.

A quelli che diranno che l’impresa era d’impossibile riuscita io rispondo che se prima di combinare di tali imprese si dovesse ottenerne l’approvazione nel mondo bisognerebbe rinunziarvi.

Il mondo non approva in prevenzione che i disegni volgari.

Fu detto un pazzo colui che fece in America l’esperimento del primo battello a vapore, e si è piú tardi dimostrata l’impossibilità di traversare l’Atlantico con tali battelli.

Era un pazzo il nostro Colombo prima di aver scoperto l’America, e l’uomo volgare avrebbe trattato di pazzi e d’imbecilli Annibale e Napoleone se avessero avuto a soccombere quello alla Trebbia, questo a Marengo.

Io non pretendo paragonare la mia impresa con quelle di questi grandi uomini. Essa per altro loro rassomiglia in una parte: perché sarà l’oggetto dell’universale disapprovazione se fallisco, e dell’ammirazione di tutti se riesco.

Se Napoleone prima di abbandonare l’isola d’Elba per sbarcare a Fréjus con cinquanta granatieri avesse domandato dei consigli, il suo progetto sarebbe stato biasimato all’unanimità.

Napoleone aveva ciò ch’io non ho, il prestigio del suo nome, ma io unisco alla mia bandiera [b]tutte le affezioni e tutte le speranze[/b] della rivoluzione italiana. Combatteranno con me tutti i dolori e tutte le miserie d’Italia.

Io piú non aggiungo che una parola: se non riesco disprezzo profondamente l’uomo ignobile e volgare che mi condannerà: se riesco apprezzerò assai poco i suoi applausi.

Ogni mia ricompensa io la troverò nel fondo della mia coscienza e nell’animo di questi cari e generosi amici, che mi hanno recato il loro concorso ed hanno diviso i battiti del mio cuore e le mie speranze: che se il nostro sacrifizio non apporta alcun bene all’Italia, sarà almeno una gloria per essa l’aver prodotto dei figli che vollero immolarsi al suo avvenire.

Sottoscritto
CARLO PISACANE

Preveggente sui prodotti, il loro accentramento nelle mani di pochi e il futuro dell’Italia.

Continuo a chiedermi cosa potrebbe essere rivoluzione oggi, scartando a priori la violenza. Scartando partiti e uomini che fanno i politici.

Dove e come l’uomo potrebbe trovare la libertà, il benessere universale.

Sono convinta che NON mancano i prodotti per sfamare tutti gli abitanti di questa terra ma non lo si fa.

Sono convinta che si potrebbero bandire tutte le armi costruite dall’uomo e, invece, ne costruiscono e inventano altre come fossero giocattolini ed è forsequesto il punto.

L’uomo non cresce e continua a giocare anche in età adulta.

L’uomo va a giocare alla guerra e questo è dimostrato dal fatto che va con altri nei boschi a giocare in guerre simulate. Come la simulano nei videogiochi.

La vera rivoluzione io la conosco ma è attuabile solo con uomini che fin dalla nascita vengono educati ad abbandonare l’idea che la materia sia loro. Che possono possedere la materia. Che DEVONO possedere la materia per essere, poi, considerati grandi uomini.

Di un uomo importante si dice che è “possidente” e quando è possidente, che è potente. Si considera potente. Lo facciamo sentire potente. E cosa possiede se non la materia? Incluso l’uomo che di materia è fatto.

Beati coloro che sapranno fare a meno della materia, se non quella bastante a vivere dignitosamente, perchè solo loro potranno dire di aver vissuto una vita veramente libera.

La materia è energia e quando ci si circonda di troppa energia si scatena un processo simile a quello che fa di una stella un buco nero.

Se si supera la massa critica, ogni possibile combustione viene innescata e nessuna reazioni sarà più in grado di opporsi al collasso finale, alla degenerazione, all’esplosione, al cataclisma che tutto riduce in cenere.

E cos’è la materia se non cenere?

L’uomo fa guerre, uccidendo i suoi simili, per tutta la sua vita per poi, egli stesso, diventare cenere.

Ma, sapendo questo, non si sente un po’ ridicolo? Io sì.

Sono convinta che abbiamo a sufficenza di che far vivere ogni uomo di questo pianeta se solo la smettessimo di adoperare la materia per produrre “giocattolini” che mai soddisfano. Se solo la smettessimo d’impiegare energie per accumulare, accumulare, materia.

Provate a guardare un oggetto, arte a parte, e a chiedervi:
“Ma io ne ho realmente bisogno?”
La risposta che vi darete è NO per la maggior parte degli oggetti che riempiono le vostre case. Rienpiono quel vuoto.
La risposta è NO per la maggior parte delle “cose” che ingombrano le nostre strade e ingombrare è impedire, quindi, le nostre strade sono piene d’impedimenti. A meno che non si sia dei masochisti, nessun uomo vorrebbe percorre una strada già sapendo che dovrà superare tamti ostacoli. Allora perchè ce li mettiamo?

Pensate a quante volte siete partiti carichi di valige per poi chiedervi, durante il soggiorno nel luogo dove vi siete diretti, per quale motivo vi siete trascinati, è il caso di dire, tutta quella roba se poi ne avete avuto bisogno per un decimo. Io tante volte.

Perchè la materia ci rassicura? Forse perchè nel nostro DNA è iscritto il nostro passato da nullateneti. Un passato, dalle caverne in poi, passato a cercare cibo e ad accumularlo per l’inverno e per i periodi di magra. Ancora non riusciamo a convincerci nel profondo, nel DNA, che questo accumulare non è più necessario. Che ottimizzando la distribuzione potremmo avere sempre a disposizione quel che ci necessita per vivere dignitosamente.

Durante la guerra abbiamo conosciuto quel brutto fenomeno dal nome anch’esso brutto: “La borsa nera”.
Uomini che andavano alla ricerca di merce da accumulare per poi rivenderla a caro prezzo ad altri uomini che ne soffrivano la mancanza proprio perchè accumulandola, facendola sparire dal mercato, creavano un bisogno parossistico che gli permetteva, poi, di rivenderla a caro prezzo.

Cos’è che manca oggi di più all’uomo? Oltre al cibo in alcune zome del pianeta, cibo che è bene primario, l’unica cosa che mi viene in mente, è

LA LIBERTA’.

Quindi fate attenzione voi possidenti, voi uomini della borsa nera, a non creare il bisogno parossistico della libertà. La libertà non si vende e non si compra come una merce. La libertà va rispettata. La libertà di ogni individuo va rispettata. L’uomo è capace di sopportare grandi privazioni, è nel suo DNA fin dagli albori, quando era necessario che le
sopportasse, ma oggi non è più necessario e LO SA. SA che una sparuta parte di uomini s’è impossessato della SUA libertà ed è intenzionato a riprendersela.

L’uomo non è più disposto a tollerare la privazione della SUA libertà, si sente nell’aria, è un mio sentire.

Tutte le rivoluzioni l’uomo le ha combattute per riconquistare la propria libertà e oggi avremmo, invece, i mezzi sufficienti per impedire queste guerre fratricide. Se solo voi capiste che siamo ad un punto di non ritorno. Se solo voi capiste che nessuno ne uscirebbe salvo, vittorioso.

L’unica vittoria sarebbe che voi capiste. Per noi e per voi.

Pisacane

Annunci

Informazioni su POPVLARES

Nato a Iulia Augusta Taurinorum, di origini osco-sannite e Romano-bizantine. Credo vivamente nei valori dell'Humanitas e in una Patria Romana e Socialista.
Questa voce è stata pubblicata in Comunismo e PCI, Cultura, Fascismi, Politica, PSI - PSDI, Socialismo, Storia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...