Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria (1964-1972)

Il 12 gennaio 1964, dalla scissione dal PSI della corrente di sinistra, si costituisce il nuovo Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria (PSIUP), guidato da Tullio Vecchietti (che ne diviene il segretario) e i cui maggiori esponenti sono Lelio Basso, Vittorio Foa, Lucio Libertini, Emilio Lussu, Alcide Malagugini, Francesco Cacciatore detto Cecchino e Dario Valori, oltre ai toscani Silvano Miniati, Guido Biondi, Aristeo Biancolini, Daniele Protti, Dante Rossi, al calabrese Mario Brunetti, al piemontese Pino Ferraris, e i sindacalisti Elio Giovannini, Antonio Lettieri e Gastone Sclavi.  Aderirono allo PSIUP tutti quei militanti socialisti contrari alla formazione di un governo di centro-sinistra formato da PSI e DC, preferendo invece un accordo per una alleanza di sinistra con il Partito Comunista Italiano.  Il PSIUP riporta un buon risultato alle elezioni politiche del 1968, in occasione delle quali riesce a raccogliere i consensi della contestazione studentesca; mentre alle elezioni del 1972 non ottiene il quorum in nessuna circoscrizione e non elegge alcun rappresentante in Parlamento. A tale proposito circolava all’epoca una battuta che alludeva alla scarsa longevità politica del partito e che interpretava ironicamente la sigla PSIUP come “Partito Scomparso In Un Pomeriggio”.  Il 13 luglio 1972 il IV congresso del PSIUP delibera il proprio scioglimento e la contestuale confluenza nel Partito Comunista Italiano. La maggioranza dei suoi esponenti (67%), come L. Libertini, D. Valori, T. Vecchietti, ricomincerà la propria attività politica nel Pci, mentre una minoranza riformista (9%), rappresentata da Giuseppe Avolio, Nicola Corretto e Vincenzo Gatto, ritorna nel Partito Socialista Italiano. Vi sarà anche una minoranza di sinistra (23,8%), guidata da V. Foa e S. Miniati, che si dichiarerà per la continuità del partito fondando il “Nuovo PSIUP”.  Dopo soli 5 mesi, il Nuovo Psiup nel dicembre 1972 si fonde con Alternativa Socialista (sinistra del disciolto Movimento Politico dei Lavoratori), costituendo il Partito di Unità Proletaria (PdUP).  Segretari Tullio Vecchietti (gennaio 1964 – settembre 1971) Dario Valori (ottobre 1971 – luglio 1972)

Annunci

Informazioni su POPVLARES

Nato a Iulia Augusta Taurinorum, di origini osco-sannite e Romano-bizantine. Credo vivamente nei valori dell'Humanitas e in una Patria Romana e Socialista.
Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Politica, PSI - PSDI, Socialismo. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...