La Tradizione di Numa

Numa Pompilio, secondo Re di Roma, uomo saggio e profondamente pio, ricevette dagli Dèi le istruzioni per organizzare tutto l’apparato religioso romano, e queste norme ci sono state tramandate da molti autori tra i quali Plinio il Vecchio, Cicerone, Festo e Plutarco. Sono regole che appartengono a una spiritualità arcaica e primordiale molte delle quali dovevano risultare obsolete agli Antichi stessi, ma che rappresentano un pensiero ancora puro in tutta la sua naturalità e incontaminato da influenze straniere:

“Gli Dèi non devono essere rappresentati in forma di uomo o animale, né è permessa qualsiasi immagine dipinta o scolpita di una Divinità durante il rito.”
“Quando si sacrifica agli Dèi Celesti o Inferi che sia in un numero dispari.”                  “I Sacrifici non devono essere celebrati col versamento di sangue, ma con farina, vino e offerte frugali.”

“Nessun Sacrificio deve essere effettuato senza la mola salsa (farina salata).”
“Non attizzare il fuoco con la spada.”
“Non dare agli Dèi libagioni di vino da un vitigno potato.”
“Non versare vino su una pira funebre.”

“Volgiti prima a compiere l’adorazione agli Dèi, e solo dopo ti siederai.”
“Quando parti per un viaggio, non guardare dietro di te.”

Annunci

Informazioni su POPVLARES

Nato a Iulia Augusta Taurinorum, di origini osco-sannite e Romano-bizantine. Credo vivamente nei valori dell'Humanitas e in una Patria Romana e Socialista.
Questa voce è stata pubblicata in Cultura, Religioni, Romanitas, Storia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...